Don Arcangelo Giglio

Don Arcangelo Giglio: parroco di San Pietro in camerellis  dal 1968 al 2011.

Storia: ”Il prete del cambiamento”,”Servo del buon vangelo”, ”Una vita spesa al servizio della chiesa”: queste sono solo alcune delle accezioni con cui i parrocchiani di S.pietro in camerellis sono soliti riferirsi al loro storico parroco: Don Arcangelo Giglio. Nato in quel di Mercato San Severino il giorno 17 ottobre 1940, Il giovane Arcangelo fu ordinato sacerdote già  il 29 Giugno 1965 all’età di soli 25 anni. Da quel giorno ha avuto inizio la sua missione sacerdotale alla quale Don arcangelo si dedicherà totalmente e senza compromessi per tutto il resto della sua vita. Sempre aperto al laicato che volle corresponsabile e collaboratore, il parroco si distinse per il suo innato spirito d’accoglienza convinto che lo spirito santo soffiasse imprevedibile e indomito, portando frutto anche dove meno lo si aspetta.Disponibile verso qualsiasi congregazione laicale curò con particolare attenzione l’azione cattolica mosso dalla convinzione che i cattolici dovessero rendere un concreto contributo alla società.Ha saputo comunque mantenere un dialogo aperto e disponibile con tutti, sapendo sapientemente coinvolgere anche i non credenti attraverso la sua allegria e il suo sorriso che ha mantenuto fino all’ultimo giorno di vita,malgrado le grandi sofferenze. Appena ordinato sacerdote fu viceparroco nella chiesa di San Biagio a lanzara di Castel san giorgio per un breve periodo e vicerettore del seminario regionale di Salerno. Nel 1968 fu nominato parroco della prestigiosa parrocchia  di S.Pietro in camerellis, qui vi rimarrà fino alla fine dei suoi giorni terreni dimostrandosi padre di tutti e curando con energia i rapporti con le famiglie i ragazzi e gli anziani, ma sopratutto con i bambini dimostrandosi capace di saper parlare la loro lingua ed entrare quindi da subito in sintonia con loro. Per decenni fu assistente ecclesiastico e guida spirituale della sottosezione di Salerno dell’Unitalsi, curandone i numerosi viaggi a Lourdes infondendo speranza e conforto agli ammalati.Attento verso i bisognosi segui’ il cammino del volontariato Vincenziano, promuovendo la dignità della persona e contrastando ogni forma  di ingiustizia: materiale e spirituale. Si è spento fra l’immutato affetto dei suoi fedeli il 12 settembre 2011.

Qui di seguito trovate solo una parte dei migliaia di caratteri che i giornalisti di tutta la città hanno utilizzato per descrivere la meravigliosa figura che è stata e sempre sarà Don Arcangelo Giglio:

20110925124520278_00012011092512514219420110925124450402_000120110925124325195_0001

20110925124342226_0001